23/02/2010 Bcc Vicentino
Servizio di pagamento

NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SUI SERVIZI DI PAGAMENTO

(P.S.D. – Payment Services Directive)
 
Informiamo che il Consiglio dei Ministri ha emanato il D. Lgs. 27.01.2010 nr. 11 di recepimento della Direttiva Europea 2007/64/CE sui servizi di pagamento (c.d. P.S.D. – Payment Services Directive). Si tratta di un ulteriore passo avanti verso la creazione di un unico mercato dei servizi bancari e finanziari dell’Unione Europea, al fine di garantire maggiore velocità, sicurezza e trasparenza.
Il provvedimento è entrato in vigore il 01.03.2010 e si applica ai servizi di pagamento in euro (bonifici, RID, Ri.Ba, MAV, carte di pagamento, bollettini bancari) in ambito nazionale o disposti da/verso Paesi dell’Unione Europea, Islanda, Norvegia e Liechtenstein in euro e nelle valute degli altri Stati membri dell’Unione Europea, esclusi i servizi che si basano su titolo cartaceo (es. assegni, effetti cambiari, ecc.).
L’applicazione delle nuove disposizioni sarà graduale e si concluderà entro il 05.07.2010.
 
Di seguito riepiloghiamo le principali novità relative ai servizi di pagamento, già operativa dal 01.03.2010, che riguardano i bonifici e le carte di pagamento (bancomat e carta di credito):
 
  • tempi di esecuzione: i bonifici nazionali e quelli all’interno degli altri Paesi dell’Unione Europea, oltre che Islanda, Norvegia e Liechtenstein hanno tempi certi di esecuzione; in particolare – se denominati in euro – devono essere eseguiti entro un giorno lavorativo, quando disposti tramite canali telematici, ed entro due giorni lavorativi, quando disposti su ordine cartaceo. Ne consegue che non è più possibile indicare la valuta prefissata per il beneficiario e che la valuta di addebito all’ordinante è sempre uguale alla data di esecuzione del bonifico. Pertanto, la valuta per il beneficiario non è più richiesta nella disposizione dei bonifici. Ne deriva che per garantire una data valuta ben precisa per il beneficiario è necessario disporre il bonifico con congruo anticipo, tenendo anche conto di eventuali giornate non operative indicate nei Fogli Informativi. Si consiglia quindi di valutare le tipologie di pagamento utilizzate e verificare se si rendono necessari eventuali interventi, al fine di garantire esigenze di puntualità nell’accredito ai beneficiari;
  • disponibilità dei fondi e data valuta: per i fondi ricevuti da un’altra Banca, la data di disponibilità giuridica e la data valuta applicata al conto corrente coincidono sempre con la data in cui è avvenuto l’accredito dei fondi nel conto della Banca;
  • coordinate IBAN: il codice IBAN è l’unico identificativo per l’esecuzione dei bonifici; le vecchie coordinate bancarie (ABI-CAB-C/C) sono abolite. Al riguardo, ricordiamo di aggiornare con l’IBAN eventuali bonifici permanenti già predisposti e memorizzati negli applicativi;
  •  valuta antergata: non è più possibile chiedere l’accredito dei fondi sul conto di un beneficiario con una data valuta retrodatata rispetto alla data di disposizione del bonifico (prassi della c.d. valuta antergata);
  • termini di ricezione (c.d. cut off): corrisponde al momento da cui far decorrere il calcolo dei tempi di esecuzione (data di ricezione). Tale data corrisponde al momento in cui il cliente dispone/consegna l’ordine di bonifico. La Banca ha stabilito come momenti limite della giornata operativa (cut off) oltre i quali gli ordini si considerano ricevuti la giornata operativa successiva i seguenti:
-               ore 14,30 per gli ordini disposti tramite canali telematici (MITO e MITO&C),
-               ore 16,30 per gli ordini di pagamento disposti con modalità cartacea.
Per entrambi viene anticipato alle ore 11,00 nelle giornate prefestive per l’operatività bancaria
  • carte di pagamento: è prevista maggiore tutela per contestare operazioni non autorizzate effettuate mediante la carte di pagamento. Dal momento dell’addebito, il cliente (rientrante nella categoria consumatori o microimprese) può disconoscere un’operazione fino a 13 mesi successivi all’addebito;
  • informazioni sui pagamenti effettuati e ricevuti: nell’ambito degli obblighi di trasparenza durante tutta l’esecuzione dell’operazione di pagamento, sia nella fase precedente all’operazione sia in quella successiva, il cliente viene informato dalla Banca sui dettagli relativi all’operazione (data valuta di addebito e di accredito, spese, ecc). Allo scopo, il cliente può richiedere, con cadenza mensile, la stampa gratuita della lista dei movimenti presso la Filiale di riferimento.
Per le altre novità relative all’operatività connessa agli Incassi Commerciali (Ri.Ba, RID, Mav, Bollettini Bancari, ecc.), che entreranno in vigore entro il 5 luglio 2010, sarà nostra cura trasmettere ulteriori informazioni non appena saranno definite nel dettaglio le procedure e gli accordi interbancari sul tema.
 
I consulenti della Sua Filiale di riferimento sono a disposizione per fornire al riguardo ogni ulteriore informazione.
 
 Legenda
consumatore
La persona fisica che agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta
micro-impresa
L'impresa che occupa meno di 10 addetti e realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro
impresa
L'impresa che non rientra nella categoria della micro impresa
 
 Pojana Maggiore, 31.03.2010
 
 
BANCA DI CREDITO COOPERATIVO VICENTINO
POJANA MAGGIORE (VICENZA) S.C.
Servizio Incassi e Pagamenti
 
Banner
Conto Pensione
Conto Giovani 2.0
Conto University
Banca Comunità Cuore